I6723: Costituzione del GdL Comunicazione Pirata

Su suggerimento di @sarabiemme ho avviato un nuovo GdL che oltre ad occuparsi di Comunicazione, lo fa in modo Pirata.

Riporto di seguito il testo della Comunicazione all’Assemblea ed accolgo osservazioni, domande ed adesioni.

@macfranc riconoscerà diversi passaggi ispirati alla sua proposta di ISTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNICAZIONE (nuovo articolo del Regolamento), ma questo GdL non pretende di essere unico pur sperando di diventare sufficientemente autorevole.


Proposal

Con la presente si comunica all’Assemblea Permanente la costituzione del Gruppo di Lavoro “Comunicazione Pirata”, secondo le regole previste dal vigente Statuto.

Il GdL Comunicazione Pirata si pone come un canale di comunicazione pubblica, aperto all’Assemblea, ai gruppi territoriali e a ciascun Pirata.

Il GdL si occuperà delle comunicazioni pubbliche del partito sui diversi canali di comunicazione su cui il partito è presente nonché di diffondere comunicati stampa alle agenzie, supportando l’Assemblea, ogni gruppo locale ed ogni Pirata nelle seguenti attività:

  • Elaborazione di strategie della comunicazione e l’informazione interna ed esterna del Partito
  • Elaborazione di contenuti su posizioni già approvate in Assemblea e diffusione degli stessi
  • Traduzione, diffusione ed eventualmente critica (qualora in contraddizione con le posizioni del PP-IT) dei comunicati dei parlamentari del PP-EU e dei relativi gruppi
  • Informazione sulle iniziative e sulle attività del PP-IT e dei suoi candidati alle elezioni
  • Rilancio di notizie inerenti le tematiche chiave del PP (informatica, privacy, educazione e cultura, diritto d’autore e brevetti, trasparenza, Europa, accessibilità, ambiente)
  • Diffusione di articoli e altri contenuti inerenti le tematiche suddette
  • Redazione di messaggi di auguri, congratulazione e cordoglio
  • Elaborazione degli interventi di risposta sui social
  • Delega verso altri GdL a carattere operativo o verso altri staff terzi a effettuare interventi di redazione e scrittura sui canali di comunicazione.
  • Pubblicazione, su proposta dell’Assemblea, di comunicati e articoli di qualsivoglia natura
  • Rapporti con la stampa
  • Supporto e materiali ai gruppi territoriali o ad altri gruppi legati alle iniziative elettorali per garantire il mantenimento delle linee guida
  • Idea, realizza o coordina la realizzazione di iniziative stimolanti e divertenti atte a diffondere consapevolezza sui temi suddetti (dal Phishing politico ai flash mob tematici)
  • Eventuale individuazione volta per volta di una figura interna al Partito Pirata delegata a svolgere la funzione di “Punto di Contatto” a fronte di necessità puntuali quali conferenze stampa e interviste.
  • Eventuale delega delle attività suddette (o di parte di esse) a singoli Pirati o GdL specializzati, monitorandone l’attività

Nello svolgere suddette attività si atterrà alle seguenti linee guida:

  • non contraddire il Manifesto e lo Statuto sottoscritti da tutti i Pirati
  • favorire un civile confronto pubblico, caratterizzando il Partito Pirata come un esempio di dialogo democratico
  • favorire la diffusione di conoscenza e cultura politica, storica e tecnologica
  • proteggere, con tutti i mezzi tecnici e culturali disponibili, i cittadini dalla sorveglianza di massa, minimizzando e possibilmente azzerando il rischio della loro inconsapevole profilatura e manipolazione da parte di entità terze

Eccetto che in presenza di una evidente contraddizione con il Manifesto o lo Statuto, il GdL Comunicazione Pirata non effettuerà alcuna forma di censura sui messaggi, ma potrà effettuare autonomamente correzioni alla forma dei contenuti sottoposti per la diffusione per correggere eventuali sviste grammaticali e/o adattare il messaggio al canale su cui verrà pubblicato, evitando tuttavia di modificare il significato del messaggio. Potrà altresì richiedere all’autore di rivedere i contenuti qualora troppo sgrammaticati, troppo vaghi, troppo criptici o troppo prolissi.

In caso di evidente contraddizione con il Manifesto o lo Statuto, il GdL Comunicazione Pirata sottoporrà la decisione sulla pubblicazione del contenuto in questione all’Assemblea, sottolineando chiaramente i passaggi incriminati.

Al fine di tutelare la privacy dei destinatari ed informarli sui pericoli che corrono, il GdL Comunicazione Pirata limiterà ovunque possibile a titolo, abstract ed immagine i contenuti pubblicati su sistemi terzi e non diffonderà contenuti presenti su piattaforme di sorveglianza al di fuori delle piattaforme su cui sono originati. I contenuti saranno pubblicati in modo completo solo su canali sotto il completo controllo del partito.

Ovunque possibile, renderà bene identificabili i proponenti dei contenuti prodotti da gruppi territoriali e singoli pirati (a meno che questi non rischino ritorsioni personali). Solo i contenuti proposti ed approvati dall’Assemblea Permanente saranno pubblicati senza autore e a nome di tutti.

Composizione

Oltre al proponente di questa iniziativa, la partecipazione al GdL Comunicazione Pirata è aperta a tutti i Pirati che ne sottoscrivano gli intenti e ne accettino i metodi. Sono esclusi coloro che ricoprano incarichi di rilevanza statutaria.

Visto che né lo Statuto né il Regolamento impediscono la partecipazione a più gruppi, qualora un numero di Pirati maggiore di 7 fosse interessato a partecipare a questo GdL, costituiremo N!/7!(N-7)! GdL Comunicazione Pirata, uno per ogni combinazione possibile di 7 dei Pirati interessati. In questo modo potremo impiegare il numero di Pirati ottimale senza violare lo Statuto o il Regolamento.

Ogni GdL Comunicazione Pirata nominerà almeno un Responsabile della Convivenza.

Collaborazioni

I diversi GdL Comunicazione Pirata collaboreranno strettamente.
Visto che ogni Pirata sarà presente nello stesso numero di GdL Comunicazione Pirata, in caso di conflitti semplificheremo la gestione delle votazioni concedendo ad ogni Pirata coinvolto un singolo voto da esprimere complessivamente.
Le comunicazioni avverranno sul Forum, su una sezione dedicata sotto “Gruppi di Lavoro”, chiamata “Comunicazione Pirata” ed accessibile esclusivamente ad un gruppo denominato GdL Comunicazione Pirata cui saranno inseriti i membri dei diversi GdL Comunicazione Pirata.

Credo che sarebbe utile se almeno un membro del GdL Arti partecipasse al gruppo.

Si coglie l’occasione per richiedere al gruppo CTO le credenziali necessarie all’accesso ai diversi canali di comunicazione del Partito per realizzare le attività suddette. Si richiede inoltre la creazione della sezione del Forum “Comunicazione Pirata” e del gruppo sul forum “Comunicazione Pirata” cui associare l’utente @Shamar e i Pirati che aderiranno al GdL.

Ratio

La recente esternazione su Facebook di posizioni personali a nome dell’intero partito ha evidenziato diversi problemi, metodologici e politici. Il GdL Comunicazione Pirata è progettato per permettere alle diverse anime del Partito Pirata di dialogare apertamente e fra pari, senza incorrere nelle ingiustificabili contraddizioni politiche e metodologiche che hanno contraddistinto gli eventi recenti.

3 Mi Piace

Ah, certo: tu, con la tua spocchia in base alla quale sei l’unico interprete di ciò che è pirata e cosa no sei proprio la persona giusta.

Dimmi, hai intenzione di pubblicare link antiabortisti, dato che per te questa è una posizione “pirata”, oppure arrivi a comprendere che una TUA opinione non condivisa all’interno del partito? Perché altrimenti non vedo differenze con la situazione attuale.

1 Mi Piace

Anzitutto ti faccio notare che io non mi sono candidato per il GdL Comunicazione Pirata.
Io ho istituito un nuovo Gruppo di Lavoro, secondo le regole vigenti. :wink:

Su questo @f00l, ti devo correggere (per l’ennesima volta): io non ho mai sostenuto di voler abrogare la legge sull’aborto. Ti sfido (nuovamente) a provare il contrario citando le mie parole.

Tuttavia la risposta alla tua domanda è nel testo della mia comunicazione all’Assemblea.
Se un qualsiasi Pirata chiedesse di pubblicare e diffondere un proprio testo antiabortista lo aiuterei. Come aiuterei chi volesse pubblicare un testo favorevole all’aborto. Sottoporrei invece all’assemblea un articolo a favore della censura, o a favore della violenza, o a favore di Google o di Facebook.

Il GdL Comunicazione Pirata vuole facilitare la comunicazione e il dialogo dei Pirati in modo Pirata.

Io sono un Pirata come gli altri e non subirò un trattamento di favore o di sfavore.

Tuttavia è importante chiarire che un testo come quello di @exedre potrebbe uscire nuovamente sulla pagina Facebook del PP. Sarebbe però firmata “Emmanuele Somma” o “Pirati Radicali” o un qualsiasi altro identificativo del gruppo di Pirati che lo propone e se ne assume la responsabilità pubblica. Così come il testo antiabortista e/o abortista di cui sopra.

Aggiungo solo una nota: l’incompatibilità con il GdL Comunicazione esistente deriva da una affermazione di @solibo in Assemblea Permanente:

In realtà non trovo alcun passaggio del regolamento che stabilisca questa limitazione.

Dunque rimuovo subito la limitazione: chiunque voglia partecipare al GdL Comunicazione Pirata è il benvenuto, ferme restando le finalità e le metodologie descritte.

1 Mi Piace

Partecipo se tu in cambio ti candidi per il Collegio.

3 Mi Piace

Ti ringrazio per la stima, ma se voglio contribuire al GdL Comunicazione Pirata (che credo in effetti possa far tesoro delle mie competenze tecniche e comunicative) non posso sedere in un Collegio al cui giudizio l’operato delicatissimo del GdL sarà sottoposto.

Le persone intelligenti non fanno errori piccoli.
Dunque è meglio che il Collegio Arbitrale non sia influenzato dalla mia presenza nel giudicarne l’operato.

PS: @lynX… ascolta un consiglio… partecipa lo stesso… :wink:

Ok, ho rivisto profondamente le sezioni Composizione e Collaborazioni.

Evidenzio le parti più rilevanti:

Alla luce di queste modifiche invito esplicitamente tutti i Pirati interessati a considerare l’adesione al GdL Comunicazione Pirata.

Invito in particolare ciascuno dei Pirati che (a quanto ho capito) costituivano il vecchio GdL Comunicazione:

Attenendosi agli scopi ed ai metodi di questo GdL, post come quelli di @exedre verranno chiaramente marcati come posizioni personali di un Pirata specifico.

Se invece di litigare impariamo a valorizzare le nostre diversità e diventiamo un modello di dialogo e democrazia, non potremo che crescere in credibilità politica e peso elettorale.

Mi dispiace se potrò sembrare troppo duro ma voglio essere sincero.
Questa proposta contribuisce solo a creare rumore.
La costituzione di un gruppo di comunicazione, non può avvenire creando gruppi di comunicazione alternativi.
In questo momento ancora prima di poter fare comunicazione, bisogna che si faccia pace in questo partito.
Per ottenere la pace, ci vuole consenso.
La tua proposta di creare un gruppo di comunicazione non realizza né il proposito di creare un’atmosfera pacifica, né gode di consenso.
A proposito di consenso, Ti faccio presente che la mozione proposta in assemblea da @Lanta, che pure è un pirata da lunga data e che acquisito una sua credibilità all’interno di questo partito, ha raccolto un sostegno miserabile. E non dico che quella proposta sia fatta bene, perché contiene diverse fallacie, ma ti faccio notare che malgrado il tema abbia completamente incendiato la chat tolda per due giorni, sembra che l’assemblea non abbia ritenuto opportuno neanche degnarla dell’ opportunità di discuterla.
*Qualsiasi mozione che oggi venga percepita dall’Assemblea come un tentativo di frenare il partito od inchiodarlo su problemi conflittuali di metodo, è destinata a morire nella nebbia dell’indifferenza.
Concludo facendoti una domanda. Non credi che questa tua iniziativa sia talmente problematica, inopportuna, intempestiva, conflittuale, superflua e, se permetti, anche autoreferenziale da essere inesorabilmente destinata al più completo insuccesso?
Io credo di sì

Tranquillo @macfranc non sembri mai “troppo duro”… :wink:

Leggi con più attenzione: condizione per aderire al GdL Comunicazione Pirata è accettarne scopi e metodi. Fra i metodi c’è quello di accogliere ogni Pirata interessato a contribuire sfruttando questa possibilità offerta dal nostro Statuto e dal nostro Regolamento.

Questa comunicazione in Assemblea istituisce un singolo gruppo di lavoro.
I membri accettano l’onere di costituirne quanti serviranno a permettere a tutti di partecipare in modo paritario.

Io non sono in guerra.
Il consenso si crea con il dialogo e questa proposta invita al dialogo.

Questa non è una mozione ma una comunicazione in assemblea.

Il GdL Comunicazione Pirata esiste.
E da domani inizieremo a lavorare. Ho già delle modifiche al sito in mente.
Sono fiducioso che riceveremo tutta la collaborazione necessaria dal Gruppo CTO, dal GdL Arti e dal Gruppo di Coordinamento, secondo le regole dello contratto associativo che abbiamo tutti sottoscritto e del regolamento vigente.

No.

Anzi, proprio perché confido nell’intelligenza dei pirati che ho menzionato, credo si renderanno conto che rifiutare di riconoscere ed accettare la nostra inevitabile diversità sta paralizzando il partito.
Dalla modifica dei quorum, alla chiusura al pubblico del forum, alla abrogazione dell’articolo 2 del regolamento… tutte le soluzioni provate hanno reso più profonde le nostre divisioni.
Solo perché qualcuno vuole vincere e prevalere sugli altri.

Io sto proponendo di fare.
E sto proponendo di fare insieme.
Fare Politica attraverso la comunicazione. E di farla in modo serio e coerente.

Puoi accettare la sfida ed impegnarti con noi oppure rifiutarla e astenerti.
Ma io sto invitando tutti.

Come spesso fanno gli hacker, ho ideato una soluzione ad un problema evidente.
Se la rifiuti a prescindere solo perché viene da me, la responsabilità è tua, non mia.

Tanto non servirebbe comunque a nulla :laughing:

Infatti @macfranc, questo sabotaggio del partito è inopportuno.

Siccome non credo però che prendersela con i membri singoli abbia senso, ho proposto un’alternativa all’esclusione dei membri:

https://agora.partito-pirata.it/initiative/show/6724.html

2 Mi Piace

Ti rispondo con le stesse parole che ho utilizzato in Agorà per sostenere la tua proposta:
“Premesso che interrompere la pubblicazione di qualsiasi contenuto nell’immediatezza di quello che in tanti hanno chiamato il “suicidio social”, sarebbe è stata una scelta ancora più folle e incomprensibile, ritengo che il presente provvedimento possa consentire di lasciare all’assemblea la serenità di deliberare su quanto avvenuto. Per questo motivo, darò il mio appoggio all’iniziativa.”

@f00l posso chiederti a cosa fai riferimento esattamente con “questo sabotaggio”?

  1. innalzamento della quota associativa, inizialmente annunciata a 200€ dalla tesoreria, poi arretrata a 60€ dopo 3 giorni di dibattito sul forum, notevolmente migliorata in AO grazie al dialogo sempre costruttivo ed aperto dei partecipanti ed infine confermata in Assemblea Permanente
  2. la pessima gestione della convivenza su questo forum durata mesi, che lasciava pieno spazio a troll molto attenti ad attaccare pirati specifici i cui thread venivano poi chiusi o spostati in aree non visibili, i cui post venivano oscurati, (probabilmente su segnalazione degli stessi troll) e che venivano poi sospesi per giorni o settimane senza alcuna spiegazione (o in aperta violazione del contratto associativo).
  3. abrogazione dell’articolo 2 del regolamento, che imponeva ai pirati il rispetto delle decisioni prese dall’Assemblea Permanente
  4. innalzamento dei quorum di ammissione delle tematiche al 50% con la scusa di risolvere problemi che nessuno è stato in grado di dimostrare e fornendo ad una minoranza organizzata un enorme potere di veto anonimo su qualsiasi tematica
  5. la mozione di @exedre, al voto fra qualche ora, di spostare questo forum ad un dominio da definirsi e la sua sostituzione con uno strumento sotto il controllo di quel GdL Comunicazione che ha dimostrato così bene la propria capacità comunicativa e la propria apertura politica
  6. la pubblicazione su Facebook di posizioni personali e poco ragionate sia dal punto di vista politico che tecnologico o mediatico da parte di @exedre, membro del suddetto GdL Comunicazione
  7. la costituzione del GdL Comunicazione Pirata, in cui sono invitati tutti i Pirati interessati a partecipare, che permette la partecipazione paritaria di tutti i Pirati interessati e che stabilisce modalità operative chiare, a servizio della AP, dei gruppi territoriali e dei singoli Pirati, nonché l’adozione di semplici tecniche di comunicazione atte a tutelare la privacy dei cittadini che si avvicinano al nostro partito ed alla loro sensibilizzazione su queste tematiche

Sono certo di aver dimenticato qualcosa.
Ma dopo settimane (mesi?) di modifiche regolamentari inutili, contraddittorie ed altamente divisive, ideate e sostenute da membri del partito che accusano gli altri di “continua guerriglia regolamentare”, diventa difficile per me comprendere a quale di queste azioni tu faccia riferimento come inopportuno “sabotaggio del partito”.

Ti prego, sii chiaro.
Cerchiamo di capire chi siano questi fantomatici “sabotatori” del Partito Pirata.

5 Mi Piace

La 6 e la 7. Nello specifico, la 7 mi sembra un assalto alla gola del partito, ora debole e diviso, per le modalità di presentazione di un gdl che di fatto renderà la comunicazione del partito incoerente e darà alla nostra credibilità il colpo di grazia dopo la mazzata data dal punto 6.

Concordo peraltro sul fatto che la 5 assume un significato tetro, non tanto dopo l’accadimento 6, ma per il fatto che chissà cos’altro potrebbe essere scritto a nome del partito, visto che per i responsabili non è successo nulla di negativo.

2 Mi Piace

Sarà la prima dimostrazione dell’immobilismo creato dai nuovi quorum.

1 Mi Piace

Non mi resta che segnalare al Collegio ogni operazione non concordata in assemblea, per evitare che chiunque abbia le password e gli accessi ora faccia il buono e cattivo tempo a suo piacimento.

2 Mi Piace

Non lo è.
Al contrario: è un tentativo di salvarlo.

Siamo un partito variegato. Puoi negarlo?
Tutti i problemi di questi mesi nascono dal rifiuto di questa realtà evidente.
E dalla volontà di far prevalere una sensibilità sulle altre.

Se fosse stato attivo il GdL Comunicazione Pirata quando @exedre ha pubblicato quel testo (sul sito, per poi linkarlo da Facebook), non ci sarebbe stata alcuna tragedia.

Un secondo dopo @Shamar (o chi per lui) avrebbe risposto con

immagine
(qui)

E con un articolo più in linea con il nostro Manifesto (e con il CEEP) come questo, a nome di tutto il PP (sempre sul sito, e linkato da Facebook).

@storno potresti creare una sottocategoria di Gruppi di Lavoro chiamata Comunicazione Pirata?

Per il momento lasciamo pubblici i contenuti: tanto le prossime modifiche al sito le discutiamo tutti insieme.

lo sai che questo non è vero, vero? è l’ennesima minoranza rumorosa.

Ogni Pirata è una minoranza

Dove l’ho letto?